Beni confiscati alle mafie: valorizzazione, programmazione, amministrazione

beni confiscati

Beni confiscati alle mafie: valorizzazione, programmazione partecipata e amministrazione condivisa

 

 

Proponenti: Prof.ssa Anna Maria Zaccaria e Studenti UDU del Dipartimento di Scienze sociali

 

Tutor: Carlo Pezzullo, Maria Chiara Calò, Antonino Rapicano

 

 

 

Periodo: Febbraio 2023

 

 

Programma: 3 incontri seminariali di 3 ore ciascuno (Tot: 9 ore) con frequenza obbligatoria.

 

Mezza giornata in bene confiscato- Napoli : 6 ore

 

Il calendario degli incontri sarà comunicato per tempo ai partecipanti.

 

 

 

Numero massimo di partecipanti:  80 studenti, di cui 50 iscritti al I e II ANNO dei corsi di laurea triennale e 30 iscritti al II ANNO dei corsi di laurea magistrale del Dipartimento di Scienze Sociali.

 

 

Criteri di selezione: Numero di CFU conseguiti al momento della domanda.

 

 

 

Riconoscimento CFU:  2 CFU (Attività formative a scelta dello studente).

 

 

 

L'iniziativa si inquadra in un ciclo di seminari interdipartimentali, nell'ambito del progetto sulla promozione della legalità " L'impegno delle università italiane in tema di legalità e mafie: l'insegnamento tra innovazione e tradizione" (Progetto MUR id. 17513, Dipartimenti di Scienze politiche, Scienze sociali e Studi umanistici).

 

 

Il ciclo di incontri seminariali intende analizzare, con gli strumenti delle scienze sociali, la natura e le pratiche di riutilizzo di beni confiscati alle mafie e soprattutto il loro rapporto con i territori su cui insistono. In particolare, si discuterà l'impatto dei beni riutilizzati in termini di riqualificazione socioeconomica nel contesto campano.

 

 

 

Nel primo seminario, organizzato presso il Dipartimento di Scienze sociali, verrà analizzato il tema dei beni confiscati nella città di Napoli, che registra la presenza di diversi beni, riutilizzati e non. Saranno presentate esperienze dirette di riutilizzo.

 

 

 

Contenuti

I contenuti del seminario saranno organizzati attorno ai seguenti temi:

 

  • Lo stato dell'arte dei beni confiscati in Campania: la banca dati della Fondazione Pol.I.S

 

  • I beni confiscati alla criminalità organizzata come risorsa per il territorio, dal punto di vista economico (opportunità occupazionali, risposta ai bisogni di fasce svantaggiate, servizi e attività utili per i cittadini, ecc.), simbolico (riscatto identitario, ecc.), sociale (resilienze comunitarie, ecc.).

 

  • La gestione e valorizzazione del bene confiscato. La complessità del processo: dalla confisca, alla gestione, al riutilizzo.

 

  • Pratiche e forme di riutilizzo sociale dei beni confiscati. Co-progettazione, amministrazione condivisa e partecipazione democratica per l'inclusione sciale e lo sviluppo sostenibile dei contesti locali.

 

  • I beni confiscati nel quadro del PNRR.

 

 

Modalità di accertamento del profitto: relazione/spot/ poster/video . Da consegnare entro il 4 marzo 2023.

 

 

 

Invio scheda di prenotazione da inviare  entro il 2 febbraio 2023 indicando nome, cognome, matricola e certificato con CFU maturati all'indirizzo e-mail: mariachiara.calo@unina.it

 

 

Allegati: