Presentazione Osservatorio F.A.S.T. (Futuro Algoritmi, Società e Tecnologie

foto fast

Aziende e pubbliche amministrazioni usano con sempre più frequenza algoritmi per prendere decisioni sulle vite di clienti, utenti, cittadini e pazienti che incidono su, ad esempio, la scelta del prodotto da proporre, la concessione di un prestito, l'assegnazione di un posto di lavoro, l'erogazione di un beneficio. L'adozione indiscriminata dei sistemi di decisione automatizzata richiede una crescente apertura, quadri di governance appropriati, e protocolli di valutazione condivisi e riconosciuti da tutti gli stakeholder.  La sfida non è solo tecnologica, ma sociale.  

La ricerca sociale è spesso considerata troppo lenta per stare al passo dell'innovazione tecnologica. L'idea di chiamare questo osservatorio F.A.S.T. nasce invece dalla convinzione che, se incorporata sin dall'inizio, by design, e sulla base di procedure partecipate, essa può essere veloce, e servire a mettere da parte i pregiudizi, ed entrare nel merito del funzionamento di questi sistemi. 

Questi temi saranno discussi a partire da tre volumi scritti sul tema (Algorithm Audit: Why, What, And How? di Biagio Aragona; Machine Habitus di Massimo Airoldi ; The Algorithmic Weapons of the Weak. Power, agency and residence in the platform society di Tiziano Bonini).

Presentazione dell'Osservatorio F.A.S.T. (Futuro Algoritmi, Società e Tecnologie) 


In primo piano