FOODHACKER: DAL #FOODPORN AL #FOODLOVE

foodhacker

Dal 21 aprile parte un format sui social dedicato alla relazione tra cibo, dati e influencer nell'epoca della pandemia, curato dagli studenti del Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università di Napoli Federico II e diffuso sui canali social del DIpartimento e sulle principali piattaforme del web 2.0 Anche se il settore della ristorazione è tra quelli più colpiti dalla pandemia, il cibo è una vera e propria passione/ossessione sbocciata in tempi relativamente recenti e che imperversa fra giovani e meno giovani soprattutto in questo periodo particolarmente complicato e di confinamenti vari. Uno dei temi più trattati sul web è per l'appunto quello del cibo, con i vari hashtag #food e #foodporn che puntualmente occupano i primi posti fra le classifiche di analisi delle conversazioni online.

5 puntate per 5 temi di ricerca che vanno dal vissuto della Dieta Mediterranea on-line aI valore dei food influencer con 5 top influencer che vanno da Sonia Peronaci a Flavia Food'n'Boobs.

Un progetto di ricerca azione non fatto SULLA ret ma CON la rete e interamente realizzato dagli studenti dei corsi di Comunicazione, Marketing e Pubblicità; Comunicazione d'Impresa e Teoria e Tecniche della Comunicazione, guidati rispettivamente dai docenti Alex Giordano, Giustina Orientale Caputo e Lello Savonardo.

 

I protagonisti di questa prima edizione sono alcuni dei principali food influencer della rete, tutti molto diversi tra di loro ma scelti proprio sulla base delle loro peculiarità rivelatesi molto interessanti: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado e Valentina Castellano.

FoodHacker è un format realizzato da RuralHack nei programmi di ricerca/azione portati avanti con il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, in partnership con AgriFood Today, Museo Vivente della Dieta Mediterranea, Identità Insorgenti, La Nuova Ecologia, Osservatorio Giovani e con il supporto di Europa Today, Napoli Today, Societing4.0 e PIDMed.

 

#FoodHacker 

info@ruralhack.org 

pina.caliento@ruralhack.org

Allegati:


In primo piano