34° ciclo Dottorato in Scienze Sociali e Statistiche

  • Descrizione:

    Il Dottorato in Scienze Sociali e Statistiche è tra i primi in Italia, e l'unico nel Mezzogiorno, ad offrire una formazione avanzata in statistica e scienze sociali volta a favorire l'acquisizione di un linguaggio di ricerca comune in campo sociologico. Il programma di dottorato, in linea con gli "indicatori di Dublino", si propone di garantire una formazione avanzata nelle scienze sociali e statistiche con una attenzione particolare alle metodologie qualitative e quantitative della ricerca e al dibattito teorico internazionale. Il dottorato ha come principale oggetto le trasformazioni sociali che riguardano i campi, i processi e le culture della ristrutturazione post-welfaristica delle regioni del Mediterraneo, in particolare del Mezzogiorno d'Italia, che cercano di attivare, pur nelle ricorrenti crisi della glocalizzazione, strategie e politiche contro un'ulteriore marginalizzazione periferica.
    L'offerta formativa riguarda approcci teorici, metodologie di ricerca qualitative/quantitative e tecniche statistiche di social data analysis e tutela dei dati personali, anche grazie a fonti di Big Data, per l'analisi di flussi e reti sociali quali quelli:
    1. demografici, del lavoro, dell'immigrazione;
    2. delle ‘nuove' povertà e disuguaglianze;
    2. comunicativi e della digitalizzazione;
    3. della governance politica e delle politiche;
    4. delle culture identitarie e di genere;
    5. di consumo e dell'imprenditorialità giovanile;
    6. degli illegalismi e della criminalità organizzata.

     

  • Ciclo:

    34°
  • Docenti del dottorato:

    ALLIEGRO

    Enzo Vinicio

    AMATURO

    Enrica

    BRANCATO

    Sergio

    D'ALFONSO

    Stefano

    FURNO

    Marilena

    GAMBARDELLA

    Dora

    GIORDANO

    Giuseppe

    GRASSIA

    Maria Gabriella

    GRIMALDI

    Emiliano

    IRPINO

    Antonio

    MARINO

    Marina

    MARRA

    Mita

    MORLICCHIO

    Enrica

    MUSELLA

    Fortunato

    ORIENTALE CAPUTO

    Giustina

    PALUMBO

    Francesco

    PECCHINENDA

    Gianfranco

    PIRONE

    Francesco

    ROMANO

    Elvira

    SAVONARDO

    Raffaele

    SCEPI

    Germana

    SERPIERI

    Roberto

    STROZZA

    Salvatore

    VERDE

    Rosanna

    ZACCARIA

    Anna Maria

     

  • Organizzazione corsi e attività didattica:

    CORSI OBBLIGATORI 34° CICLO 2018-19

     

    Date

    Professor

    Course

    C/h

    Goals

    Topics & Readings

     

    Enzo Alliegro

    Methodology of anthropological research

    1/4

    The course aims to illustrate some aspects that characterize the theoretical framework and methodological guidelines of anthropological research.

    In this regard it will be carried out a critical and historical review of the most significant trends (from a theoretical and methodological point of view) of anthropological disciplines, also spread internationally.
    In addition, special attention will be given to the critical reading and comparison of the documents, the field research and the use of archival, iconographic, oral and literary sources.

    1. Roberto Malighetti e Angela Molinari, Il metodo e l'antropologia. Il contributo di una scienza inquieta, Milano, R. Cortina, 2016.
    2. Francesca Cappelleto (a cura di), Vivere l'etnografia, Firenze, Seid, Cisu, 2009.

     

     

    Silvia Bolgherini

    Comparative Politics

    2/8

    The purpose of this course is to provide an introduction to the study of Comparative Politics, as one of the main subfields of Political Science. Different approaches and methods of comparative politics as well as some topics dealing with political institutions, political parties and political behavior will be discussed and put in the context of contemporary democracies. The readings will allow students to cover several classic studies that represent the foundations of the discipline as well as more recent researches that bring new perspectives and try to frame the new challenges posed to the contemporary political and party systems.

    Each class will focus on one comparative politics topic, or one cluster of related topics. Students are required to read all the core readings in advance of classes. Their active attendance to seminars is also expected. Open discussion will be encouraged.

    Class 1 Overview: Introduction to Comparative politics


    Political Science and Comparative Politics. Different approaches to the comparative analysis of institutions, phenomena and behaviours. Examples of comparative research.

    1. Collier D. (1993) The Comparative Method (ch. 5). In Ada W. Finifter, ed. (1993) Political Science: The State of the Discipline II. Washington, D.C.: American Political Science Association. 

    2. Sartori G. (Dec., 1970), Concept Misformation in Comparative Politics, The American Political Science Review, Vol. 64, No. 4., pp. 1033-1053

     

    Class 2 Parties, party systems and party system change

    Sartori's classification of party systems and its (troublesome) application to contemporary party systems. Rokkan's cleavage theory and its evolution. Party system change. New parties and new party systems.

    1.  Sartori, G. (1976). Parties and party systems : a framework for analysis. Cambridge [Eng.] ; New York: Cambridge University Press: ch. 5.

    2.  Poguntke, Thomas (2014) Towards a new party system: The vanishing hold of the catch-all parties in Germany . Party Politics, 20:6, pp 950-963

    3. Bolgherini S.; Grimaldi S. (forthcoming) Critical election and a new party system. Italy after the 2015 regional election, Regional and Federal Studies

     

    Marilena Furno

    Germana Scepi

    Linear regression models 1/2

    2/8

    The course will consider the standard estimator for a linear regression model, the assumptions needed, its strenghts and weaknesses.

    By relaxing the basic assumptions the model becomes more realistic and more apt to describe the real data.

    In addition, the standard linear regression estimator can be compared with slightly different methodologies that provide more insights about the behaviour of the variable explained by the model.

    Least squares estimator; heteroskedastic errors; autocorrelated errors; robust regression estimator; quantile regression estimator; Oaxaca Blinder decomposition.

     

     

    Dora Gambardella

    Approcci metodologici alla valutazione

    2/8

    La valutazione costituisce un oggetto di crescente interesse su cui convergono istanze retoriche ispirate ai principi di produttività ed efficienza e istanze di trasparenza e accountability che esaltano la vocazione democratica e partecipativa dei processi valutativi.

    Scopo del corso è esplorare i diversi approcci alla valutazione in una prospettiva pluralista, analizzando le relazioni tra presupposti teorici e scelte metodologiche che li contraddistinguono

    La valutazione sperimentale

    Gli approcci misti: Theory Based Evaluation e Valutazione realista

    La valutazione pluralista

     

    1. N. Stame (2016) Valutazione pluralista, Franco Angeli, Milano.
    2. F. Biolcati Rinaldi (2002), Una valutazione realistica delle politiche di sostegno al reddito, in Sociologia e Ricerca Sociale, n. 68-69, pp. 196-217.
    3. R. Lumino (2013) Valutazione e teorie del cambiamento, Franco Angeli, Milano.

    11-12-14 dicembre 2018

    Pino Giordano

    Anna Maria Zaccaria

    Social Network Analysis. Teorie ed applicazioni

    2/8

    The course aims to illustrate the main theoretical and methodological aspects related to social network analysis. Students will understand the main concepts of social network analysis and use the network approach in practice. It introduces the students to the use of the main software for network analysis, applying the methods presented in the study of real-world examples.

    The course provides the fundamental skills for applying the methods of network analysis to the study of actor interactions in different fields, focusing on the definition of the network boundaries, network data collection, construction of dataset with network and attribute data, the interpretation and implementation of network measurements in various application contexts. The students will acquire the ability to manage dataset and developing reports to interpret network data by means of statistical software.

     

    Class 1-2: Theory of Social Network Analysis.

    Class 3-4: Statistical techniques for Social Networks. Software and applications.

     

    - Scott, J. (2012). Social network analysis. London: Sage

    - Piselli F. (2001) ( a cura di) . Reti. L'analisi di network nelle scienze sociali: Donzelli.

    - Lecture notes and handouts will be distributed during the lectures

     

     

    Maria Gabriella Grassia

    Analisi testuale dei social data

    2/8

    L'esplosione dei dati testuali provenienti dai blogs, forum online, social network, permette di analizzare i fenomeni sociali emergenti, nonché di individuare il sentiment e le preferenze dei cittadini sui specifici eventi o servizi pubblici. Lo scopo del Corso è presentare le principali tecniche di analisi dei dati testuali per la comprensione dei testi prodotti dagli utenti sui principali social media e social network.

    Il corso prevede un primo modulo di web scraping, un secondo modulo di pre-trattamento dei dati testuali ed un terzo modulo dedicato sia alle principali tecniche di analisi sia ai software attualmente disponibili.

     

    Topics:

    - Metodi e sistemi di rilevazione online e nuove tecnologie per la raccolta dei dati

    - Metodi e modelli statistici per l'analisi dei dati testuali

    - Open source Software

    1. Bolasco S., (2013), L'analisi automatica dei testi, Carocci editore.
    2. Hofmann M., Chisholm A. (2016), Text Mining and Visualization: Case Studies Using Open-Source Tools, Chapman & Hall/CRC.
    3. Lebart L., Salem A. (1988), Analyse statistique des donnÈes textuelles, Dunod, Paris.
    4. Lebart L., Salem A. (1994), Statistique textuelle, Dunod, Paris.
    5. Lebart L., Salem A., Berry L. (1998), Exploring textual data, Kluwer Academic Publishers, Dordrecht (The Netherlands).
    6. Introduction to the tm Package: Text Mining in R http://cran.rstudio.com/web/packages/tm/vignettes/tm.pdf
    7. CRAN Task View: Natural Language Processing
    8. http://cran.rstudio.com/web/views/NaturalLanguageProcessing.html
    9. "Table of Contents: Text Mining". PLOS http://www.ploscollections.org/article/browse/issue/info%3Adoi%2F10.1371%2Fissue.pcol.v01.i14

     

    Emiliano Grimaldi

    Debating Critique in the Social Sciences. Reality, World and Emancipation

     

    2/8

    The course addresses the complex relationship between sociology and critique, relating the dynamics of such a relationship to the epistemological foundations of the discipline and to some of its constitutive dualisms (facts and values, structure and action, subjects and objects, and so forth). The aim is to discuss with the students the potential and limits of different approaches to critical sociology and, yet, to reflect on the role that an orientation towards critique could have in the scientific project of sociology and more generally in social sciences. In doing so, the course will critically examine Luc Boltanski proposal for a sociology of emancipation that matched in a unique analytical framework, via hermeneutic contradiction, the issue of institutions and the issue of critique. The course will focus on the foundations and the implications of Boltanski's distinction between reality and the world, and its reassessment of the concept of institution and hermeneutic contradiction,  showing how this allows to locate in a dialogical and generative tension a social critique of domination with a pragmatic sociology of critique. A specific attention will be devoted to what this means for social researchers who are engaged with the analysis of the social transformations of contemporary democratic-capitalist societies.

    Requirements: to attend the course it is strongly reccomended to attend also at the seminar of prof. Dario Minervini, same title.

    Class 1: The relationship between sociology and social critique. An historical overview. Two alternative programmes? Critical sociology and a pragmatic sociology of critique.

    Class 2: Reinterpreting critique. Reality and the World. Uncertainty and Hermeneutic contradictions.

    Class 3: The critique of the contemporary regimes of domination in Western democratic-capitalist societies .

    Class 4: Critique and emancipation. Paths of research and reflection.

    Key Readings:

    1. Boltanski, L. (2011). On Critique. A Sociology of Emancipation. Cambridge: Polity Press.

    Suggested additional readings:

    1. Latour, B. (2004). Why Has Critique Run out of Steam? From Matters of Fact to Matters of Concern. Critical Inquiry, 30: 225-248.
    2. Desrosières, A. (2014). Statistics and Social Critique. PArtecipazione e COnflitto. The Open Journal of Sociopolitical Studies, 7(2): 348-359.
    3. Dean, M. (2010). Introduction. In Governmentality. Power and Rule in Modern Societies (2nd edition). London: Sage.

     

    Antonio Irpino

    Rosanna Verde

    L'indipendenza statistica

    2/8

     

    Metodi statistici per l'analisi di una variabile statistica.

    Variabili bivariate e multivariate, concetto di indipendenza. Indici di associazione.

    Correlazione. Correlazione multipla e parziale.  Regressione.

     

    Marina Marino

    Analisi Multivariata

    2/8

    L'obiettivo è quello di introdurre alcuni dei più̀ importanti metodi di analisi statistica che consentono di prendere in considerazione simultaneamente più dimensioni del fenomeno oggetto di studio in modo da cogliere il fenomeno stesso nella sua interezza e complessità. L'attenzione sarà rivolta sia alle tecniche che consentono di pervenire ad una riduzione del numero delle variabili individuando particolari relazioni che le legano sia alle tecniche che consentono un raggruppamento delle unità statistiche individuando le caratteristiche che le accomunano. Sarà privilegiato l'approccio descrittivo all'analisi multidimensionale.

    Analisi delle Componenti Principali,

    Analisi delle Corrispondenze,

    Cluster Analysis

     

    Enrica Morlicchio

    Urban Poverty and Social Cohesion

    1/4

    The relationship between disadvantaged populations and the urban space they are located has been the subject of empirical observation since the famous investigation conducted by Charles Booth in London at the turn of the twentieth century. As is well known, Booth created a series of detailed maps of the streets of London, based on a cartographic method which was already in use at that time, but which had never been applied on such a broad scale.

    Today, thanks to increasingly sophisticated statistical software, it is no longer necessary to possess the infinite patience of Booth and his collaborators in order to analyse the processes of spatial concentration and segregation of vulnerable social groups. If anything the greatest difficulty arises from the need to manage existent, rich literature on this particular topic and the wide range of different definitions in use. Also, it should be noted that while urban sociologists and geographers alike have looked at this issue predominantly in a comparative way, historians have generally preferred the analysis of single cases and their relationship with the formation of specific model of urban inequality. Drawing upon these different streams of literature this lecture aims to look at the long-term evolution of diverse models of territorial marginalisation and social exclusion and to provide a general interpretative framework. It will also use this theoretical background against the Our interest in Naples is attributable also to way in which this city both condenses aspects of other European cities and at the same time could be considered  a rather peculiar case.

    Historical look at the broad patterns of ethnically and class-defined spatial concentration.  Description of  Chris Kesteloot's typology of socio-spatial lay-outs.  Focus on the case of Naples.

    1. Morlicchio E., Urban poverty and social cohesion: what can Naples teach us, in A. Andreotti, D. Benassi and Y. Kazepov (eds), Capitalism in transition, Manchester University Press, forthcoming
    2. L. Wacquant, Urban outcasts, Polity Press, 2008 (or Italian translation I reietti della città, edizioni ETS, 2016)

     

    Fortunato Musella

    Political Science: Theory, Concepts and Methods

    2/8

    The course will introduce to the study of Political Science and its concepts. In the first part a classic work of the discipline will be considered, so providing theoretical insight for several representative key-words of political science, such as Constitution, Dictatorship, Democracy, Public Opinion (G. Sartori, Elementi di Teoria Politica). In the second part, the crucial role of concepts in social sciences methodology will be shown, by investigating the necessary logical steps in moving from observation to theory, and from conceptualization to measurement. Finally, a methodology aimed at defining political concepts in a modular and interactive way will be presented: Hyperpolitics, developed as a book – M. Calise and T.J. Lowi, Hyperpolitics. An Interactive Dictionary of Political Science, Chicago, University of Chicago Press, 2010 – and as a Website (www.hyperpolitics.net), with the objective of addressing the growing complexity of disciplinary areas in political science while fostering analytical skills and cooperation among scholars with different backgrounds and approaches. Upon a frequent attendance of the course, each phd student will be required to write a paper on a political concept accordingly with his/her research topics.

    • Introduction to Political Science
    • Political Science Concepts
    • Concept-Formation and Methods
    • Hyperpolitics: An Innovative Laboratory
    1. Giovanni Sartori, Elementi di Teoria Politica, Bologna, il Mulino, 1987.
    2. Giovanni Sartori, Logica, metodo e linguaggio nelle scienze sociali, Bologna, Il mulino, 2011.
    3. Mauro Calise and Theodore J. Lowi, Hyperpolitics. An Interactive Dictionary of Political Science, Chicago, University of Chicago Press, 2010.
    4. Mauro Calise, Theodore J. Lowi and Fortunato Musella, Concetti Chiave. Capire la Scienza Politica, Bologna, Il Mulino, 2016.

     

     

    Giustina Orientale Caputo

    Data sources for the analysis of the labor market and future orientations of labor policies

    2/8

    The course aims to provide students with the knowledge and analytical tools needed to analyze the profound changes that are shaping the labor market in Italy and in Europe, taking specifically attention to the active labor policies.

    In the first part, we will focus on the evolution of the labor market through the use of the main analytical categories, some indicators and the most important data sources for the study of the labor market.

    Through the use of these tools, we will then pay attention to the transformation of the Italian labor policies as a part of the whole reform processes which took place in Europe from the early nineties until today, examining the ongoing processes of deregulation and flexibilization. In the last part of the course,  current challenges and future prospects of active labor policies will be analyzed, especially with regard to the emergence of the principle of individual responsibility and the transition from welfare policy to workfare.

    Class 1-2: The labor market / Evolution of the Italian labor market and labor market segmentation/ Data sources for the study of labor market, analytical categories and indicators

    Class 3-4: European labor strategy SEO/ Active labor policies /welfare to work, workfare

    1. Istat, Rilevazioni sulle forze di lavoro, tavole, glossario, nota metodologica reperibili sul sito all'indirizzo http://www.istat.it/it/archivio/198171
    2. Istat, Rapporto annuale 2016, La situazione del paese, Capitolo 3, Le dinamiche del mercato del lavoro: una lettura per generazione
    3.  http://www.istat.it/it/archivio/185497
    4. http://www.bollettinoadapt.it/wp-content/uploads/2016/03/2016_18_03_giubileo.pdf
    5. Gualmini E., Rizza R. (2013), Le politiche del lavoro, il Mulino, Bologna

     

    Francesco Palumbo

    Theoretical basics of inferential statistics

     

    2/8

    The course aims to equip the students with the basic notions about random variables and expectation, then it introduces the fundamental concepts in inference: point estimation, confidence intervals, hypothesis testing.

     

     

    Gianfranco Pecchinenda

    Sociologia della conoscenza: la Sociologia e la sfida delle Neuroscienze

    2/8

    A partire dagli inizi degli anni Novanta alcune discipline scientifiche emergenti, tra cui le Neuroscienze e le scienze cognitive in generale, hanno cominciato a proporre nuove interpretazioni del comportamento umano, talvolta in aperto contrasto con i paradigmi tradizionali emersi nel corso degli ultimi due secoli nell'ambito delle scienze sociali.

    Dopo aver analizzato i caratteri principali del nuovo paradigma emergente, il corso si prefigge l'obiettivo di provare a indagare i possibili campi di integrazione di questi diversi ambiti del sapere applicati allo studio dell'uomo, a partire da una rilettura di alcuni studi classici della sociologia.

    Gli incontri, a carattere seminariale, verteranno sull'analisi delle diverse modalità attraverso cui l'essere umano fa esperienza del mondo in cui vive. Le categorie attraverso cui questi percepisce sé stesso e l'ambiente che lo circonda saranno indagate dalla prospettiva propria della sociologia della conoscenza, con particolare riferimento alla questione relativa alla "costruzione sociale della realtà".

    Una presentazione selettiva dell'opera dei classici sarà integrata da una discussione sui maggiori lavori della fenomenologia, al fine di fornire ai dottorandi gli strumenti per una più approfondita comprensione dei processi di costruzione sociale della realtà. Nel corso delle lezioni particolare spazio verrà dedicato agli studi di Comte, Durkheim, Marx, Weber, Husserl, Schutz e Schapp.

    Lezione 1

    L'immagine dell'uomo e lo studio delle scienze sociali: dal Paradigma Strutturalista al paradigma Neuro-Cognitivista

    Lezione 2

    Comte, Durkheim, Marx e le neuroscienze

    Lezione 3

    Weber, Husserl e Schutz: L'approccio fenomenologico e la costruzione sociale della realtà

    Lezione 4

    Irretiti nelle storie: Sociologia e Narrazione: W. Schapp

     

    Gianfranco Pecchinenda, Il sistema mimetico, Ipermedium libri

     

    Wilhelm Schapp, Coinvolti nelle storie, (PDF http://gianfrancopecchinenda.it/coinvoltinellestorie/)

     

     

     

    Francesco Pirone

    Social Innovation and Welfare Policies

    2/8

    The course explore the evolution of the Italian welfare system, with a particular emphasis on how it has changed with the austerity plans since the 2008 economic crisis, and the analytical challenges that the social innovation presents in this context. Drawing on the social exclusion and poverty policies, the course offers a overview of the Italian social policies, featuring detailed analysis of governance, rescaling and retrenchment. Then the course presents a literature review of the term social innovation and its use, and provide a definition of social innovation, including core elements, common features, a typology, a description of the process, and an account of how social innovation occurs in social policies.

    Class 1-2: The welfare systems approach/ Governance, rescaling and retrenchment in the Italian social policies.

    Class 3-4: Definition and theory in social innovation / Social innovation into public policies: social policy experimentation.

    1. Pirone F., Innovazione sociale: l'estensione semantica di un concetto in ascesa politica, in La Rivista delle Politiche Sociali / Italian Journal of Social Policy, n. 4, 2012, pp. 137-150.

                      Direct download link: https://goo.gl/4N1lRV

    1. Pirone F., Le politiche di assistenza sociale nella crisi: frammentazione e ridimensionamento dell'azione pubblica, in Democrazia e Diritto, n. 1-2, 2013, pp. 135-157.

                      Direct download link: https://goo.gl/xltI1M

     

    Lello Savonardo

    Comunicazione e innovazione

    Innovazione, tecnologie digitali e processi creativi

    1/4

    A partire dalle principali teorie sulla comunicazione, i media e i processi culturali, obiettivo del seminario è quello di fornire ai dottorandi spunti di riflessione sul rapporto tra innovazione e routine, focalizzando l'attenzione, in particolare, sui processi d'innovazione e creatività. Partendo dalla sociologia fenomenologica e dai processi di costruzione sociale della realtà, attraverso concetti quali tipizzazione e senso comune, il seminario si focalizza sulle dinamiche che determinano forme di innovazione e mutamento sociale. A questo proposito, a partire dalle teorie di Simmel, ci si sofferma sul rapporto tra agire sociale e cultura, tra "le idee", dotate di una dimensione creativa in grado di produrre cambiamenti nelle strutture sociali, il "fluire incessante della vita" e le forme attraverso cui tale fluire si fissa. Ma anche sulle relazioni esistenti tra senso comune ed esperienza biografica, per poi approfondire il concetto stesso di creatività, secondo gli studi di Melucci. Per comprendere più a fondo il significato di alcune dicotomie sociologiche come routine/innovazione, tradizione/modernità, agire sociale/struttura, idee/cultura, senso comune/esperienza, il seminario si sofferma sul concetto di habitus come "struttura strutturante" in Bourdieu, sulla teoria di strutturazione di Giddens, sul sapere dell'esperienza secondo Jedlowski, ma anche sulla suggestiva teoria dell'innovazione routinizzata proposta da Paolucci (Harvey; Bauman). Il concetto di creatività richiama, inoltre, alcune delle principali teorie sul rapporto dialettico tra arte e società, con riferimento a Croce, Marx, Benjamin, Adorno, Becker, Bourdieu, con un relativo affondo sui processi creativi nell'era digitale (Lévy, de Kerckhove, Manovich). Il seminario si sofferma, inoltre, sul concetto di "straniero" (Shutz; Simmel) nei processi di innovazione sociale e sull'incontro/confronto/scontro tra culture diverse e i relativi processi di ibridazione culturale, con riferimento al concetto espresso dalla letteratura postmoderna di terzo spazio (Bhabha; Chambers).

     

     

    Roberto Serpieri

    Educational Policy and Evaluation

    2/8

    The transformation of the Welfare State in Italy at the straddle of the millennium has profoundly affected the education system and revolved educational policies toward what has been called a sort of "endogenous privatization", i.e., the introduction of a quasi-market oriented by principles of competition and high-stake accountability among schools and universities. The course focuses mainly on the school system and shows conceptual and methodological tools in order to grasp how educational policies in the last decade have been reshaped in terms of New Public Management technologies for what concerns: the model of governance; the evaluation of the educational professions and of head teachers in particular; the setting of educational standards for measuring students' performances; the practices of self-evaluation for the improvement of schools; and so on.

    Such changes in educational policies are witnessing a shift in policy discourses (e.g. the neoliberal faith in marketization and privatization); epistemic truths (e.g. the deterministic implication between causes and results); and practices of sub-jectification (e.g. the entrepreneurial school and the distributed leadership).

    Class 1-2: The governmentalty studies approach to understand the restructuring and reculturing of the post-welfarist educational systems.

    Class 3-4:  The analysis of methodologies and techniques adopted by Italian educational policies for the evaluation of schools, head teachers, teachers and students.

    1. Dean, M. (2010). Governmentality: Power and Rule in Modern Society. Sage; chapter 1., Basic Concepts and Themes.
    2. Grimaldi, E., Serpieri, R., (2014), Italian education beyond hierarchy: governance, evaluation and headship, in Educational Management, Administration and Leadership, 42(4), pp. 120-139.
    3. Grimaldi, E., Landri., P., Serpieri., R., (2016), NPM and the Reculturing of the Italian Education System. The making of new fields of visibility, in Gunter, H.M., Grimaldi, E., Hall, D., Serpieri, R., (eds.), New Public Management and the Reform of Education. European lessons for policy and practice, London: Routledge.
    4. Grimaldi, E., Serpieri., R., (2016), Scuole a ‘prova' di Invalsi: tra riflessività e fabbricazione, in Landri., P., Maccarini, A., (a cura di), Uno specchio per valutazione della scuola: paradossi, controversie, vie di uscita, FrancoAngeli, Milano.
    5. Vatrella, S., Serpieri., R., (forthcoming). Truths and dares: the Italian way to the evaluation of head teachers.

     

    Salvatore Strozza

    Demography, mobility and international migration

    2/8

    The first part of the course is oriented to synthetically provide the main tools of analysis of the demographic structures and population dynamics: basic concepts and measures, age-specific rates and probabilities, the life table and single decrement processes, fertility and reproduction, population projection. The second part of the course is aimed at offering two empirical insights on the recent and current Italian demographic situation. The first empirical study aims to answer the following general question: what have been the effects produced by the intense and prolonged economic crisis on the Italian population and on its demographic behaviours? The second empirical study refers to the forty-year-old history of immigration and foreign presence in Italy and has the following objective: to illustrate, on the basis of a rich and reliable statistical documentation, the origins and characteristics of foreigners, their demographic behaviours, the insertion in the labour market and the socio-cultural and economic integration of immigrants. The major issues related to refugees, citizenship and to the second generation are among those addressed in detail.

    Class 1-2: Main concepts, tools and measures for the analysis of population structures and dynamics: applications to Italian case.

    Class 3-4: Sources and methods of data collection and analysis of foreign immigration and presence, demographic and socio-economic behaviours.

    1. Preston S.H., Heuveline P., Guillot M. (2001), Demography. Measuring and Modeling Population Processes, Blackwell Publishers, Oxford.
    2. De Santis G. (2010), Demografia, il Mulino, Bologna.
    3. De Rose A., Strozza S. (a cura di) (2015), Rapporto sulla popolazione. L'Italia nella crisi economica, il Mulino, Bologna.
    4. Strozza S., De Santis G. (a cura di) (2017), Rapporto sulla popolazione. Le molte facce della presenza straniera in Italia, il Mulino, Bologna.

     

    Biagio Aragona- Enrica Amaturo

     

    Data and new data for social sciences and statistics

    C/h: 2/8

     

    The course aims to present and discuss the different definitions and uses of the term data within the social sciences and statistics. It starts by distinguishing between the three terms data, information and knowledge. Furthermore, the definitions of the term "data" given in sociology, statistics and computer science are presented and critically discussed. The course continues by introducing some classifications of data according to several criteria: research stages (microdata, macrodata and metadata); operational definition (numerical data-vs-textual data); time (cross-sectional data-vs-longitudinal data); institutional settings (process produced data, open data), data management (structured, semi-structured, unstructured). The course ends by addressing the social and technological changes that have brought about the emergence of new data (big data, big corpora and linked data) and presenting their main features (velocity, variety, volume, unobtrusiveness, etc.) and some of their classifications: (automated data, directed data, voluntary data; internet of things, sensors, transactional data and social media data).

    After this course Ph.D. students should be able to:

    - recognize the difference between information and data;

    - address their research interests to the different kinds of data;

    - address their research interests to the different kinds of new data;

    - understand the socio-technical changes that have signed the passage from data-scarce to data-intensive societies.

     

    Class 1: Data and information: definitions and discussion. Microdata, macrodata and metadata. Numerical and textual data. Cross-sectional data and longitudinal data. Process produced data and open data.

    Class 2: Socio-technical changes and the emergence of new data. The main features of big data. Classifications of new data.

     

    Key readings

    1. Kitchin R. (2014). The Data Revolution: Big Data, Open Data, Data Infrastructures and Their Consequences. London: Sage;

    Suggested additional readings

    1. Amaturo E., Aragona B., Grassia M., Lauro C. Marino M., (eds) (2017). Data Science and Social Research: Epistemology, Methods, Technology and Applications,  Heidelberg: Springer. (only Section 4);
    2. Aragona, B. (2016). Big data o data that are getting bigger?. Sociologia e ricerca sociale, 42-53, Doi: 10.3280/SR2016-109005;

     

               
               
               

     

     

  • Prova ammissione:


    Criteri di ammissione
    L'ammissione al dottorato viene decisa da una commissione che valuta i titoli, come previsto nel bando
    e, dopo la prima selezione, sottopone i candidati ad un colloquio volto ad accertare le attitudini e le
    conoscenze di base del candidato necessarie per partecipare con profitto al dottorato in Scienze Sociali
    e Statistiche. Durante la discussione il candidato sarà in particolare invitato a presentare le linee generali
    di un progetto di ricerca. Sarà data particolare importanza alla motivazione dei candidati ad
    intraprendere un percorso formativo che richiede una approfondita conoscenza delle teorie e dei
    metodi delle scienze sociali e della statistica di base applicata ai problemi sociali, in quanto ciò
    costituisce il carattere di originalità del dottorato nell'ambito dell'offerta formativa nazionale.
    Data la vocazione internazionale del dottorato, sono considerati titoli rilevanti i certificati europei di
    conoscenza di una o più lingue straniere e pregresse esperienze di formazione e di ricerca all'estero. Al
    bando di ammissione viene data la massima diffusione a livello nazionale e internazionale.

  • Argomenti esame di ammissione:

    L'ammissione al dottorato sarà decisa da una commissione che, dopo una prima selezione in base ai titoli, valuterà i candidati mediante un colloquio volto ad accertare le attitudini e le conoscenze di base del candidato necessarie per partecipare con profitto al dottorato in Scienze Sociali e Statistiche. Durante la discussione il candidato sarà invitato a presentare un progetto di ricerca di 3.000 parole (in italiano o in inglese) su temi che presumibilmente anticiperanno la tesi di dottorato.

    Il candidato dovrà dimostrare una conoscenza fluente della lingua inglese scritto e parlato (non sono necessarie certificazioni linguistiche, ma, se vengono presentate, saranno presi in considerazione dalla Commissione insieme ai titoli).

    La procedura di selezione consiste in due fasi:

    1. Valutazioni dei titoli e del CV.  Sono necessarie anche due lettere di refence a sostegno del candidato.
    2. Prova orale

  • Durata: 3 anni
  • Crediti formativi: 180
  • Requisiti di ammissione:

    laurea magistrale

  • Note:

    Attività di formazione La didattica si articola in corsi e seminari. Un CFU corrisponde a 4 ore di lezione frontale e 21 di studio individuale (per un totale di 25 ore) e a 2 ore di seminario e 23 di studio o di esercitazione individuale (per un totale sempre di 25 ore). I CF da raggiungere per i corsi di base obbligatori sono 40 per un totale di 160 ore di didattica frontale, per i seminari, corsi specialistici, scuole estive sono 20, mentre all'attività di ricerca sono assegnati 120 CFU (cfe. Tab. seguente)Quest'ultima è parte fondamentale del progetto formativo, mirato al conseguimento dell'autonomia nella ricerca tramite la redazione di una tesi di dottorato (in italiano o in inglese) rigorosa sul piano metodologico e originale sul piano dei contenuti.

    I Anno
    Per gli studenti del primo anno, il dottorato eroga un blocco comune di insegnamenti a carattere
    avanzato sulle discipline di base inteso ad accrescere le competenze dei dottorandi nei seguenti campi:
    metodi e approcci alla ricerca sociale; analisi dei dati quantitativi e qualitativi e principali software per la
    loro elaborazione; disegno della ricerca sociale quantitativa e qualitativa; procedure di costruzione del
    dato quantitativo e qualitativo.
    Nell'ambito di questo blocco comune di insegnamenti si terrà conto dei diversi livelli iniziali degli
    studenti, utilizzando le attività individuali, durante il corso e finali, per colmare lacune e per fornire
    spunti per approfondimenti.
    Sempre durante il primo anno il dottorato, avvalendosi della collaborazione di studiosi italiani e
    stranieri, offre un certo numero di seminari su aspetti applicativi o teorici di contenuto sia specialistico
    che interdisciplinare, scelti di volta in volta a seconda delle disponibilità dei docenti, soprattutto se di
    altra sede, e delle esigenze formative dei singoli dottorandi.
    Nel corso del primo anno sono altresì previsti:
    a) Un seminario su la programmazione europea e le opportunità di finanziamento per la ricerca
    b) Attività di perfezionamento dell'inglese svolta presso il CLA
    c) Attività di formazione su academic writing e tecniche per la presentazione di relazioni a
    convegni scientifici
    d) Attività di addestramento all'uso dei software per l'analisi dei dati R, SPAD, SPSS, UCINET,
    GIS, NVivo, TALTAC.
    Accanto ai corsi attivati dal dottorato, i dottorandi possono seguire corsi attivati nell'ambito delle lauree
    magistrali dell'ateneo. I corsi di base e i seminari in aula sono integrati da corsi accessibili via web
    erogati da qualificati atenei internazionali o italiani. Il dottorato si avvale inoltre delle possibilità offerte
    da Federica, il progetto e-Learning dell'Università di Napoli Federico II.
    L'obiettivo è giungere a definire un percorso formativo che permetta di acquisire le competenze
    specifiche che consentano al dottorando di affrontare al meglio il percorso scelto per i successivi due
    anni.
    La frequenza ai corsi obbligatori e quella ai corsi specialistici è necessaria fino al raggiungimento dei
    crediti previsti (garantendo almeno il 90% di presenza in aula, tanto per i corsi obbligatori, quanto per
    quelli specialistici).
    Alla fine del primo anno il dottorando dovrà:
    1. Aver completato la formazione di base e specialistica del primo anno, per la cui attribuzione dei
    crediti i docenti devono assegnare o la stesura di un eaborato o la risoluzione di esercizi (Exam
    Questions) o la presentazione e discussione di un tema;
    2. Aver formulato il progetto di tesi (obiettivo della tesi, contenuto della letteratura sul tema,
    contributo specifico che il dottorando pensa di potere dare a tale letteratura e organizzazione
    dei capitoli della tesi, disegno e tempi della ricerca) in un elaborato di circa 2000 parole;
    3. Consegnato un paper di circa 7000 parole ciascuno (compresa la bibliografia), su un elenco di
    tematiche proposte dai docenti che hanno tenuto i corsi scegliendo tra una proposta di carattere
    metodologico-statistico o una di tipo tematico e finalizzato alla partecipazione ad un convegno
    scientifico nazionale o, preferibilmente, internazionale.
    II Anno
    Nel corso del secondo anno il dottorando dovrà completare la formazione in aula avendo la possibilità
    di personalizzare la preparazione sulla base dei suoi interessi di ricerca sotto la supervisione del/dei
    tutor. Ai corsi si affiancano i seminari in aula e le occasioni formative offerte dalla scuole estive e
    invernali in Italia e all'estero.
    Alla fine del secondo anno il dottorando dovrà:
    1. Aver completato la formazione di base e specialistica del primo anno, per la cui attribuzione dei
    crediti i docenti devono assegnare o la stesura di un eaborato o la risoluzione di esercizi (Exam
    Questions) o la presentazione e discussione di un tema;
    2. Aver consegnato almeno un capitolo della tesi (di circa 7000 parole) e discusso i primi risultati
    di ricerca nel corso del Seminario Annuale;
    3. Aver trascorso un periodo di studio o ricerca all'estero o aver preso parte ad almeno una summer
    o winter school sui temi di ricerca del dottorato; in alternativa dovrà indicare dove intende recarsi
    nel terzo anno dimostrando di aver già preso contatti;
    4. Dimostrare di aver partecipato con la presentazione di un paper a convegni nazionali e
    internazionali o di aver pubblicato almeno un articolo su riviste scientifiche nazionali o,
    preferibilmente, internazionali;
    III anno
    II terzo anno sarà principalmente rivolto alla stesura della tesi. Ciascun dottorando esporrà, nell'ambito
    di un seminario aperto al pubblico, l'intero progetto di tesi con particolare attenzione ai risultati
    innovativi già raggiunti. Sulla base del seminario e del giudizio del/dei tutor sull'attività svolta, il
    Collegio dei docenti deciderà se suggerire al candidato di presentare domanda per la difesa della tesi, o
    di chiedere un rinvio di sei mesi.
    Sistema di valutazione della qualità
    Il dottorato intende avvalersi di un processo di valutazione delle attività erogate attraverso la
    misurazione annuale del livello di soddisfazione dei dottorandi.
    La valutazione in itinere delle attività svolte dai dottorandi avverrà attraverso l'organizzazione di
    riunioni periodiche in cui gli stessi saranno chiamati ad illustrare le ricerche in corso. Saranno altresì
    valutati numero e qualità delle pubblicazioni prodotte nel triennio.
    Al termine del periodo di soggiorno all'estero, ai fini della valutazione del dottorando, il collegio
    prenderà atto della relazione del supervisore dell'ente ospitante.
    Le tesi di dottorato saranno valutate da una commissione composta da docenti di atenei italiani e
    stranieri, ed eventuali esperti esterni nel caso di tesi in co-tutela università-impresa. /> contenuti.

  • Sede del corso: Dipartimento di Scienze Sociali
  • Date prove: affissione risultati valutazione titoli:25/09/2018 - Ore: 10:00 prova orale 02/10/18 - Ore: 9:00

Documenti